Vuoi sapere quando nasce e che percorso ha la Via Francigena?

“In questa sezione del blog è mia intenzione spiegarvi come, secoli fa, nacque questa Via di comunicazione, perché le fu dato questo nome e quale percorso segue, ma senza entrare nei minimi dettagli ne storici ne geografici. In un’altra parte di questo sito, denominata “Tappe”,  troverete tutte le informazioni geografiche dettagliate.”

Perché si chiama Via Francigena? Questo è stata la prima domanda che mi sono posto, quando, mesi fa, mi è venuta l’idea di percorrerla.
In breve! Nel lontano IX secolo, tutte le vie che arrivavano dalla Francia, erano appellate Vie Francigene, anche se le più famose erano due, una che entrava in Italia dal passo del Monginevro per poi scendere verso Torino e proseguire fino a Vercelli, la seconda arrivava dal Colle del San Bernardo, dove entrava in Italia e, dopo aver percorso tutta la Valle D’Aosta, anch’essa procedeva sino a Vercelli. Da questa città, la Via Francigena proseguiva sino ad arrivare a Roma e, più tardi, sino ai porti della Puglia, come Brindisi, da dove i pellegrini si imbarcavano per la Terra Santa. (Io però non mi imbarco, io mi fermo a Brindisi 😊)
Queste strade venivano solitamente percorse da mercanti e Pellegrini, gli uni per motivi prettamente commerciali, i secondi per raggiungere Roma o la Terra Santa in pellegrinaggio.

I primi documenti storici sulla Via Francigena li troviamo nel lontano IX secolo e specificatamente in un tratto di strada di campagna di Chiusi, in provincia di Siena, mentre per i primi veri appunti sull’intero percorso, bisogna aspettare intorno al 990. L’Arcivescovo Sigerico, dopo essere partito da Canterbury ed essere stato in pellegrinaggio a Roma dal Pontefice, durante il ritorno in Inghilterra, fece una relazione su tutte le tappe e i vari posti dove rifocillarsi e dormire ponendo le basi per quella che, già dal XII secolo, venne chiamata Via Francigena.

Come accennavo prima, la Via Francigena fa capolino in Italia dal Colle del San Bernardo e, attraversando tutta la Valle D’Aosta, entra in Piemonte all’altezza di Ivrea, per poi proseguire sino a Vercelli, da dove il percorso conduce il viandante in Lombardia passando, dopo alcune tappe a Pavia e raggiungendo il guado del Po appena dopo Orio Litta, al “Guado di Sigerico”; il “Transitum Padi”, dove si traghetta sull’altra sponda in località Soprarivo.
Qui si entra dopo poco in Emila e la prima tappa sarà la città di Piacenza, dalla quale, dopo aver percorso altre 5 tappe, si arriverà ad oltrepassare il Passo della Cisa, per poi scendere verso la Toscana.

Si entra nella regione delle colline e dei panorami mozzafiato dove si susseguono molte fra le tappe più suggestive della Francigena. Tratto dopo tratto si toccano città e paesi meravigliosi, come Lucca, i crinali collinari della Val d’Elsa, San Geminiano, Monteriggioni, Siena, Radicofani e molte altre. Dopo Radicofani, si entra nel Lazio e  dopo qualche tappa, ci accoglie il suggestivo lago di Bolsena, poi Viterbo, Sutri, La Storta, ultima tappa prima di arrivare nella meravigliosa e monumentale Roma, dove l’arrivo è posizionato in Vaticano.

Qui finisce il primo tratto dopo 1.043 chilometri e 45 tappe con un dislivello positivo di +13.490 metri e negativo di – 15.480!
Abbiamo fatto più discesa che salita. 😊

Da Roma si riparte verso sud, attraversando una splendida campagna sino a Formia, per poi proseguire nell’accogliente Campania, Nocelleto, Santa Maria di Vetere, Maddaloni, Benevento e subito dopo Buonalbergo, che è al confine con la Puglia, regione che ci accoglie con la sua proverbiale ospitalità. Questo tratto di Via Francigena, attraversa immense coltivazioni di grano, sino ad arrivare ad Ordona, da dove si comincia a scendere verso sud. Cerignola, Barletta, Bari; la splendida e operosa Bari! Da questa bellissima città, costeggiando il mare, si arriva a Brindisi, dove finisce il vecchio tracciato della Via Francigena…e la mia Passeggiata!

Qui finisce il secondo tratto della Via Francigena italiana dopo 29 tappe e 697,5 chilometri.

 

Link utili per la storia della Via Francigena:

https://it.wikipedia.org/wiki/Via_Francigena
http://www.viefrancigene.org/it/Itinerario/Storia/

Commenti Facebook