Tappa n.° 2 – Da Echevennoz a Aosta (13,6 km/-770m)

Questa tappa si svolge in gran parte lungo suggestivi tratti di sentiero che costeggiano i “rus”, antichi capolavori di ingegneria idraulica: piccoli canali artificiali che convogliano l’acqua dai torrenti verso i campi coltivati. I tratti pianeggianti lungo i canali si alternano a ripide discese, impegnative per ginocchia e articolazioni. Nella seconda parte della tappa attraversiamo degli splendidi frutteti prima di entrare ad Aosta, città ricca di attrattive, soprattutto di epoca romana. Punti di ristoro a Gignod e Variney, molte le fontane. Punto di partenza: Echevennoz Punto d’arrivo: Aosta Difficoltà: mediamente facile Dislivello in salita: 67 m Dislivello in discesa: 728 m Lunghezza del percorso: circa 13,6 km Tempo di percorrenza: circa 3.30 ore Segnaletica: buona In sintesi: questa tappa si svolge in gran parte lungo suggestivi tratti di sentiero che costeggiano i “rus”, antichi capolavori di ingegneria idraulica: piccoli canali artificiali che convogliano l’acqua dai torrenti verso i campi coltivati. I tratti pianeggianti lungo i canali si alternano a ripide discese, impegnative per ginocchia e articolazioni. Nella seconda parte della tappa si attraversano degli splendidi frutteti prima di entrare ad Aosta, città ricca di attrattive, soprattutto di epoca romana. Punti di ristoro a Gignod e Variney; molte le fontane. DESCRIZIONE DEL PERCORSO Km 13,6 Il sentiero prosegue lungo il ru Neuf, il canale irriguo che preleva l’acqua del torrente Artanavaz per trasportarla sulla collina di Aosta. Il sentiero la...

Read More